Detti e Proverbi

-  Li pariendi sonn' cumma li stuvali,  cchiu' sonn' stritti e cchiu' fann' mal(e).

  (I parenti sono come gli stivali  piu' sono stretti e piu'  danno fastidio). I parenti sono le persone piu' invidiose;  piu' la parentela e' stretta e piu' la gelosia e' accentuata.

- Accid' m ' e munuzz'm  e  men'm'   miezzu  a li  mii.

  (Uccidimi e  fammi a pezzi e lasciami in mezzo ai miei familiari). Il ritorno nella famiglia di origine, era  un desiderio fortemente anelato.
  Qualsiasi  sofferenza diventa  meno dura se si rimane  ancorati alle proprie radici.

- E' chiu' sicuru ca na  femm' n' trova na scusa, ca nu soriciu nu purtusu.

  (E' piu' facile  che una donna  inventi una scusa, che un topo  trovi  un buco per nascondersi). La donna era ritenuta piu' furba di un topo in cerca  di un nascondiglio.

- Stipa l' odiu ca l' occasiona nun manga.

  (Conserva l' odio, perche' non manchera' l' occasione). Conserva i risentimenti, non essere impulsivo e precipitoso, perche'  non manchera' l' occasione per farsi ragione.

- Cambana sanda  sona p' me  e pigliati a chi e' vicino a me.

  (Campana santa suona per me e prenditi  a chi e' vicino a me). E' un detto, ironicamente coniato, per dire  che nessuno vuole morire; si augura sempre la morte dell' amico,
   percio', la campana a festa doveva suonare per se', mentre quella  per  il morto doveva suonare  per gli altri.

- La femm'na e' cumma la gaddrina:  quannu a fattu l' uovu nun e' cchiu' puddrastra.

  (La donna e' come la gallina quando ha deposto l'uovo non e' piu' pollastra).  Per indicare  il passaggio  della donna  dallo stato nubile  a quello  di coniugata, veniva paragonata
  alla pollastra che diventava gallina solamente dopo aver deposto l' uovo.

- La mugliera e' cumma lu titttu si nu lu r'mini 'ng(i) chiov' dindu.

  (La moglie e' come il tetto della casa, se non lo  revisioni spesso vi piovera' dentro).  I nostri antenati erano un  po' troppo maneschi nei confronti delle mogli, soprattutto per una
  cattiva tradizione che si era tristemente  consolidata. I buontemponi, percio', coniarono il detto: "la moglie e' come il tetto; l' una deve essere  bastonata spesso, l' altro deve essere
  revisionato  ogni anno". 

- E' munutu viernu p' li mali v' stuti.

  (E' arrivato l' inverno  per coloro che non hanno  i vestiti idonei). L' inverno era  duro per i poveri che non potevano coprirsi e proteggersi dal freddo.

- Si era signora, stia in palazzo e t' nia a te  p' sc' cupa' li cacazzi.
  (Se ero signora, abitavo in un palazzo e avrei scelto te per spazzare gli escrementi di gallina).  Modo di dire di una persona che non poteva permettersi persone a servizio.
- Porta li cauzuni a  zomba  fuossi.
 
  (Veste pantaloni  a "salta fossi").  Il detto era rivolto a quel giovane  povero che per necessita'  usava gli stessi pantaloni per piu' anni per cui, mentre cresceva,
  l' indumento  diventava sempre piu' corto.

- Lu canu mozz' ca semb'  a lu strazzatu.
  (Il cane morde sempre lo straccione).  Colui che e' sfortunato  sara' morso  anche dai cani.
- Diu gavit' n'  da li p' zziendi arruccuti.
 
(Dio ci mantenga lontani dai poveri arricchiti). Il saggio aveva  osservato che i poveri  improvvisamente  arricchiti  diventavano  pericolosi nella societa',
   percio' invitava la comunita' a tenerli lontani.

- Quannu tei fattu la casa e la vigna ven' la morte e t' n' piglia.

  (Quando
ti sei costruito la casa  e piantato il vigneto arriva la morte  e ti porta via) Il saggio  aveva notato che per tutta la vita, l' uomo aspira a costruirsi la casa e ad impiantare
  il vigneto, ma quando ha realizzato i desideri sopraggiunge la morte.   

- Megliu nu malu matinu ca nu malu vicinu.
 
 (Meglio una brutta giornata, anziche' un cattivo vicino). Una mattina con cattivi auspici  si  esaurisce presto, mentre  un cattivo vicino di casa  o di terreno  deve  essere
   sopportato per tutta  la vita.

- Lu liettu e' na bella  cosa ca si nun duormi t(i) r' puos(i)'.

  (Il letto e' una cosa bella, perche'  se non dormi ti fa' riposare.) Se sei stanco mettiti a letto, perche' se non hai sonno, ti riposi.

- Lu signoru s' ved' a tavula.

  (Il signore  si nota a tavola). Dalla compostezza e dal civile comportamento, che la persona mantiene durante un pranzo,  si nota la nobilta' dell' uomo.

- Sc' copa la casa ca nun sai chi tras', fatt' lu liettu  ca nun sai chi' asc' pietti.

  (Scopa i pavimenti della casa, perche' non puoi sapere chi entra, rifai il letto perche' non sai chi aspetti). Le occasioni particolari si presentano quasi sempre improvvise e quando
   non si aspettano, percio' sii previdente e non farti trovare mai impreparato.

- Stuta primu  ru fuocu tuiu e po' curri a quiddru  d' l' auti.
 
(Smorza prima l' incendio nella tua casa e poi corri a smorzare quello degli altri).  Risolvi prima i problemi della tua famiglia e poi aiuta a risolvere quelli delle altre.
- Fa  cchiu' miraculi  na votta d' vinu ca na ghiesia d' santi
 .
(Fa piu' miracoli una botte  di vino  che tutti i santi in  una chiesa)  I santi in chiesa  non fanno tanti miracoli quanto ne fa il vino  bevuto in abbondanza.
-  Lu vinu buonu s' venn' senza frasc'ca.
 
 (Il vino buono si vende senza fronda.)  Era uso e tradizione che sull' uscio  delle cantine si esponesse la fronda per pubblicizzare il vino,  ma quello buono "si vendeva senza fronda."
   Non fidarti troppo della merce troppo pubblicizzata.

- Cu nu b'cchieru d' vinu, d'viendi fort' cumma nu lionu, cu dui d'viendi scemu cumma nu ciucciu, cu 'cchiu' d' dui  d'viendi cumma na scigna.

  (Con un bicchiere di vino  diventi forte come un leone, con due diventi stordito come un  asino, con piu' biccchieri  motteggerai come una scimmia)  Nella nostra comunita', a causa
  del numero elevato di piccole vendite pubbliche di vino, molti  giovani  circolavano sempre ubriachi. Tutti  venivano individuati  e biasimati, per cui gli anziani  dicevano loro di non
  esagerare, perche' l' alcol  non solo danneggia il fisico, ma influenzava negativamente  il comportamento morale.

- 'Ngimma a la castagna lu vinu s' lagna.
 (Sulla castagna il vino non si addice)  Quando si mangiano le castagne il vino non e' indicato, perche' porta  acidita' di stomaco.  
- Chi vev' (vinu) e nun mangia, mai sazziu s' ved'.

 (Chi beve (vino) e non mangia, non si sente mai sazio).  Colui che beve il vino senza mangiare, non si sente mai soddisfatto.
- Roba  d' mangiatorio  nun vac( i ) a 'cunv'ssoriu.
 
(La roba da mangiare non e' soggetta  alla confessione). I  saggi dicevano che ogni sorta di cibo rubato, se serviva per sfamarsi,  non  presupponeva la  confessione.
- S' e' abbuttatu cumma nu ruosc'pu.
 
(Si e' gonfiato come un rospo). Il detto  veniva  rivolto  a colui  che mangiava  tanto da gonfiarsi come un rospo, soprattutto se a spese d' altri.
- Lu  saccu  vacandu  nun  s'  manden'  alerta.
 
(Il sacco vuoto no si regge in piedi)  Chi non mangia  e non si riempie  lo stomaco  non puo' reggersi in piedi, ne' studiare e  tanto meno lavorare.
-
P' lu  ualanu  baccala' a la  p' rt' caregna.
 (Per
il conduttore di buoi , baccala' alla "p' rt' caregna"). Era il tipico pranzo  che si serviva a colui che guidava l' aratro, tirato dai buoi per dissodare il terreno:
  " Baccala' scaldato condito con  olio, aglio e peperoncino piccante". Se vuoi  avere un buon lavoro fai mangiare bene  l' operaio.
- Carna d'  puorcu arrusti e mena 'nguorpu.
 
(Carne di maiale, cucinala e mangiala)  La carne del  maiale, perche' molto  grassa, deve essere  mangiata  appena cucinata. 
- La  panza  e' cumma na molla 'cchiu'  'ng mini e cchiu' sc' cuntrolla.
 
(La pancia e' come un elastico, piu' la riempi e piu' si deforma). Piu' mangi  e piu' hai bisogno di mangiare.
- Megliu muri' saziu ca diunu.
 
( E' meglio morire sazio che digiuno ) Nei tempi passati le  comunita' di montagna  vivevano nella miseria e la maggioranza dei cittadini soffriva la fame.
  Le persone, non  temevano la morte, ma la fame, percio' preferivano morire sazi.

- Cu lu tiembu e cu la paglia matur' n'  r  nesc'pul'.
 
(Le nespole maturano col tempo  e con la paglia). Ogni difficolta' si supera col tempo e con mezzi idonei.
- A nom' d' santa Cecca  o  piglia  o secca.

 (A nome  di santa Cecca, o germoglia  o secca). Completato il  lavoro della messa a dimora di una pianta a di un innesto, era credenza popolare invocare la santa  protettrice della germogliazione.

- So' guai a la pagliera.

 (Sono guai al pagliaio).  Anticamente la popolazione viveva nei pagliai; in caso di disgrazie in famiglia si diceva : "sono guai al pagliaio".

- Chi zappa vev' l' acqua  e chi  puta vev' lu vinu.
 
(Chi zappa  beve l'acqua e chi pota beve il vino).  Il saggio osserva  che lo zappatore  svolgeva un lavoro pesante e gli si dava a bere l' acqua, mentre  il potatore  svolgeva un lavoro leggero
 e gli si dava a bere il vino. Era una palese ingiustizia umana.

- Add' rittu a la cunvina, ca si no; t' rombu li rini.

 (Rispetta il confine del terreno, altrimenti ti rompo la schiena). Era un detto ripetuto ad alta voce, in forma di cantilena, durante il periodo  della raccolta delle castagne, con il quale
  il proprietario ricordava al  confinante di non superare il confine del proprio terreno per rubargli il frutto. Non rubare.

- Mend' ca s' zappa e s' puta nun s'  ved' n' li n' puti, quannu s' vaci a b'digna' ze' Maria qua e ze' Maria la'.

 ( Mentre si zappa e si pota non si vedono i nipoti, quando  si va a vendemmiare zia Maria di qua e zia Maria di la'). Anche gli  antenati  si erano  accorti che quando  bisognava lavorare
  non si trovavano mai  i parenti, ma quando bisognava dividere l' eredita' tutti erano presenti. Diffida di quei parenti che non si fanno vedere nel momento del bisogno.

- Quannu t' cridi ca mor' la pecura, tannu mor' l' ainu
 
(Quando credi  che morira' la pecora, allora muore l' agnello).  La morte puo' colpire sia l' anziano che il giovane, indipendentemente dall' eta'.